Federico Buono – Punto di Polemica Egoista-risposta a RadioAzione

La seguente è la risposta di Federico Buono (uno dei redattori delle Ed. Cerbero/Vertice Abisso) al commento di RadioAzione sul recente testo polemico del nichilista Federico

______________________________________________________

Caro Radioazione il tuo/vostro testo-egoisticamente mi dà l’opportunità di proseguire nella demolizione dell’atto dato e conforme alla dottrina giurisprudenziale.Un testo sull’operazione Ardire e sul diritto-mio personale è adesso ancora in una fase iniziale ma sarà divulgato in ogni modo e con ogni mezzo.

Come scritto il punto di Polemica Egoista si distingue-ed estingue-come eccezione rispetto al conforme uso paritetico del confronto formale.

Il significato intrinseco di polemica è per me fiero Nichilista(mille volte fiero-Nichilista) un atto-anti-etico in una parificazione strutturale nei precetti imposti dalla santa chiesa dell’anarchia redentrice.

L’etica espressa in maniera pariforme annulla il singolativo incedere delle cattive passioni.

L’attacco annientatrice(rifiuto la frase a mono suo di “azione diretta”)l’etica non derime il proprio vissuto- e nega ogni prefica alla Fenrir in un ri-tornare in un consequenziale linguaggio rivoluzionario stereotipato

Il pugnale avvelenato Nichilista affonda nelle carni ammorbate della società umana senziente!

Andiamo ora ad approfondire quello scritto da te/voi Radioazione per rendere efficace e chiaro a tutti quelli che leggono,qual’è il significato specifico che io Fiero Nichilista intendo per punto di Polemica egoista:

Inizio subito nello scrivere che io “non condivido” manco una lettera di quello scritto da Stefano-e non come scrivi/scrivete te/voi in un “meno”o no nel condividere.

Specifico che io non “condivido” ma mi sento affine in un testo che sento anche mio-come specificazione di un termine che non mi appartiene nella sua forma morale come “condivisione”.

La condivisione può essere anche una pratica di accettazione-come riportato sopra-delle regole della parificazione strutturata in linee guida soddisfacenti il rispetto formale.

Per quanto riguarda nello specifico il “vivisezionare”-io lo intendo come uno specificare ogni singola frase di un testo intero e uniforme che io in maniera integra ho riportato-senza cambiare di una virgola quello espresso dal compagno Stefano-e che con le mie righe ho inteso andare ad attaccare-in quanto dentro anche io nell’inchiesta “Ardire”.

Specifico con questo dichiarare che chi individuo vuole inserirsi in un dibattere-anche non inquisito- lo può fare:nessun atto censorio in un libero arbitrio.

Te/voi di Radioazione vai/andate in contraddizione nello scrivere che “non dirò mai la mia su una pagina internet:

mi hai risposto su un blog come Parole Armate-e la tua/vostra l’hai/avete detta sul web,no?

Ti/vi ripeto che io non condivido manco una riga del pensiero di Stefano(e di rimando di Elisa)e lo dico ad alta voce firmandomi.

E chi te lo dice a te/voi che non ci possa essere un dibattito aperto al web?

Io Fiero Nichilista(mille volte Fiero Nichilista)mi muovo come a me aggrada divulgando i miei testi e quelli di risposta con tutti gli strumenti che io singolo accetto di usare.

La sterile diatriba internet-non internet-è una facile conclusione ogni qual volta si deve affrontare un dibattito:la “rete” o si usa o non si usa.

E te/voi Radioazione l’hai/avete usata per rispondere a me.

Quindi scusa di quale “non dibattere sul web “scrivi-se lo hai/avete fatto anche te/voi?

Nel proseguio del testo tuo/vostro denoto questo passare da una parte all’altra senza centrare un punto:t/voi dici/dite che le lettere dei compagni Stefano ed Elisa sono un “punto si cui riflettere individualmente”:

E io ho preso il testo di Stefano e facendolo mio senza tra l’altro cambiarlo di una virgola-ho affondato con il pugnale del Nichilista anti-etico e ho risposto.

Poi te/voi puoi/potete usare il termine “vivisezione”-a me aggrada più “affondare”!

No caro/cari Radioazione i pensieri espressi dai compagni sopracitati sono stati messi in rete e resi pubblici per cui siamo al punto di prima:la “rete” o si usa o non si usa.

Il testo di Stefano è stato anche tradotto in varie lingue e fatto girare proprio per esprimere le proprie idee sull’operazione “Ardire”.

Ma non so cosa voglia significare “social network”-per me Fiero Nichilista-l’uso che scelgo è chiaro in me e io la “rete” la uso in un momento storico come questo dove l’uso della divulgazione di testi di approfondimento su web circolano nel momento storico in cui i ciclostilati non ci sono più.

È adattamento? Non so,come detto si deve fare la scelta-se si rifiuta la tecnologia-di non usare internet.

Una “via di mezzo”è-a me pare-una giustificazione.

Te/voi di Radioazione avete un sito internet per cui..

Come fai/fate a sapere che io i compagni non li conosco?

Te/voi sapete se c’è stato un contatto epistolare tra di noi su mail(è “social network “anche l’uso della posta elettronica?)o se ci siamo incontrati “faccia a faccia”?

Nello scrivere di “giudizio”,ancora una volta leggo che le questioni serie e di sangue come una scelta singola e non uniforme diventano il non dibattere.

Io come espresso sopra ho voluto affrontare in un punto di Polemica Egoista-un testo come quello del compagno Stefano(e di rimando anche quello della compagna Elisa)-che io rifiuto riga per riga e come libero individuo prendo e vado ad analizzare per dire la mia.

E specifico che questo in primis perchè ci sono di mezzo anche io-ma di nuovo scrivo che chi libero individuo voglia intervenire non avrà da me nessun atto censorio..

Non abbiate paura della chiesa della anarchia redentrice-fieri individui!

Ma se per te/voi la polemica in un attacco a un testo che io non sento mio manco in una riga è dare un “giudizio” o una “sentenza” sono solo affar tuoi/vostri.

In quanto a sentenze di sicuro quelle del movimento uniforme del “tutto”anche se pronunciate silenziosamente-sono già arrivate-ma proprio perchè non c’è nessuna voglia di elevarsi e rivendicarsi nel momento in cui la repressione arresta e indaga.

Per quanto riguarda dire “individuo” dovreste/i specificare bene cosa intendi/intendete e su che punto?

Te lo ripeto:io non accetto in nessun modo di tacere,e se devo intervenire su un testo che nego completamente lo farò che te/voi o qualcun altro non siate d’accordo.

Caro/i Radiazione le esperienze di sangue che affondano nella negazione del diritto elevano un Fiero Nichilista come me-in attaccare ogni riga o parola che io in nessun modo accetto!

Di rimando alle tue/vostre righe sul carcere mentale-ti/vi scrivo che io volendo con la mia forza singolatrice annientare il carcere che ho dentro me-uso l’essere Fiero Nichilista in un attacco di una Polemica Egoista:

e affondo in quello che scrivete-affermando che se non si annientano le parabole mentale morali insite dentro l’individuo l’etica espressiva ci dirà quali valori si devono scegliere-ogni qual volta ci sono di mezzo le scelte di sangue e affinità con il proprio percorso.

Nella frase sul “discorso della difesa..” ancora una volta te/voi sembra voglia/vogliate annullare ogni specifica scelta individuale?

E come detto tanto per essere chiari-anche io sarò nello stresso processo dell’operazione “Ardire” e volendo specificare un mio moto volente antigiuridico amorale vado ad affrontare in un punto di Polemica Egoista-un testo che io non accetto in nessun modo-in primis-ripetendomi-perchè ci sono di mezzo anche io..

E anche se non fosse così te/voi né nessuno può impedire a un individuo che vuole entrare nel vivo di un dibattito su un processo come quello “Ardire” di dire la propria:

avanti Individui non omologati contro la senziente umana coscienza uniforme!

Sull’entrare in un teatrino o comunque entrando nel diritto a un processo sto affrontando un percorso non percorso di difficile sperimentazione insieme a fieri miei affini come Maurizio Cerbero VerticeAbisso e Tomo Parole Armate:

Uscire da un metaforico Labirinto-Tribunale-e negare il diritto è un approfondimento che sto attuando con un radicale sperimentare con i miei affini-senza nessuna paura di affrontare chi vuole reprimere un Antigiuridismo Anarchico Amorale!

Come già espresso nel testo risposta a Stefano-il “non rispondere”-è il primo passo ed espediente usato dall’avvocato per preparare le “carte”.

Caro/i Radioazione “avvalersi della facoltà di non rispondere”è usare un diritto:

Poi come riuscire a negare un diritto anche solo rifiutandolo-questo-come sopra-è di una complessità tale da doverlo sperimentare ogni qual volta ci si trova davanti a un magistrato-un g.i.p. E altri infami simili..

Per quanto riguarda gli “arresti domiciliari”è solo un semplice chiedere un diritto-almeno che non lo si faccia per evadere(e qua si ricollega nel contorto e complesso usare un “diritto” per evadere-non evadendo in maniera diretta senza chiedere un diritto.altro tema da affondare in maniera radicale in ambito egoista antigiuridico amorale).

Ma la galera di cui parlavi/parlavate sopra si riferisce anche alla galera della società umana?

Sulle chiacchere come te/voi l’hai/avete sperimentato-non sai/sapete se anche io o altri lo abbiamo sperimentato sulla pelle..

Scusa di che “merda fuori dal vaso” parli?

L’hai/avete letto/i i testi messi su Culmine e Iconoclasta(sempre se rientra nell’usare o no dei network che sociale non mi sembravano..?), nell’affrontare e specificare l’affinità con gli attentati fatti dalla F.A.I informale(e che io appoggio.)?

L’hai/avete letto l’affermazione declaratoria:”Viva l’Internazionale Nera!”?

E lo specifico modo di porsi negli approfondimenti di Iconoclasta?

Io ho letto bene quello per cui ho risposto e posso dirti che ti/vi contraddici/ete:

nell’affermare che le “menzogne” di cui scrive Stefano(e di rimando Elisa) sono si dirette alla magistratura ma così scrivendo e non specificando nulla che dia la sensazione di essere affini all’Internazionale Nera-nella lettura del testo per me è come affermare che i testi messi sul non-social network di Culmine e Iconoclasta sono stati messi come se fosserò solo “notizie” e non testi da supportare.

Il dire “menzogne” per me come l’ho letto-sembra voler affermare ancora una volta:

“io non sono affine agli attentati!”

Se si voleva specificare nel testo si poteva scrivere di menzogne ma anche di appoggio alla F.A.I Informale-così da rendere chiaro l’esposizione delle righe vergate-anche se si sarebbe entrati in una schizofrenica retro-cedere in un avanti impostato.

E poi ti/vi ricordo che Stefano(e di rimando Elisa)parlano a chiare lettere di “processo tecnico”!

E chi te lo dice che devi/dovete seguire me,io per caso?

Come nelle prime righe che ne sai/sapete di come mi sto muovendo io-nel testo scritto in risposta a Stefano e sopratutto ti/vi ricordo che anche te/voi avete risposto su web e non in altro modo..

Per concludere-ma io o nessuno può permettersi di dire concluso un dibattito come quello espresso:

sulle contraddizioni posso essere anche minimamente d’accordo-come posso dire che il singolo individuo deve sempre sperimentare per fare uscire le proprie contraddizioni e nello sperimentare si deve poter annientare il giusto diritto del confronto-facendo emergere le proprie cattive passioni!

Avanti per l’individuo e l’egoismo Nichilista! Supporto e affinità ai geni distruttori in tutte le forme e con ogni mezzo scelto!

Viva l’Internazionale Nera!

Federico Buono

This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.