Bielorussia, Mikashevichi: Sabotato erogatore di energia in una cava di granito

da: 325

Trad. Grey Wolf

L’11 giugno una cabina che forniva energia a una cava di granito, a Mikashevichi (Bielorussia) è stata incendiata da un gruppo di convinti guerrieri per la liberazione della terra. Il corto circuito che è seguito ha lasciato la cava e il vicino paese nell’oscurità totale. E’ stata una strana sensazione sentire improvvisamente silenzio, dove un minuto prima c’era un costante rumore industriale. Vedere le stelle nel cielo che erano bloccate dalle luci della cava solo pochi attimi prima.
2 congegni incendiari (con ognuno 5 litri di benzina) sono stati usati per questa azione.
Salutiamo i prigionieri anarchici bielorussi (Ihar Alinevich, Mikalai Dziadok, Aliaksandr Frantskievich) perseguiti per le loro azioni di sabotaggio contro il regime di Kukashenko. Questa nuova azione di sabotaggio sul territorio, occupato dallo stato bielorusso, è in vostro onore.
Parole di gratitudine per Ted Kaczinsky. I tuoi pensieri ci sono serviti come faro in questa azione.
Ad ogni antiautoritario ed ecoattivista: continua a lottare, resta forte e libero!

Amici della Libertà

This entry was posted in Generale. Bookmark the permalink.